Ascesso gengivale

Ascesso-gengivale-1200x799.jpg

L’ascesso è una raccolta di pus (batteri, globuli bianchi, plasma e detriti cellulari) dovuta a un’infezione batterica che si può formare in qualsiasi tessuto dell’organismo.

Si distinguono due tipi principali di ascesso dentale:

  • parodontale se colpisce il parodonto, ossia gengiva, legamento oppure osso,
  • periapicale se colpisce la polpa (in genere è una conseguenza della carie).

Ricordiamo poi l’ascesso gengivale, che è la forma meno complicata dell’ascesso dentale che si sviluppa direttamente nella gengiva a causa di processi infettivi.

Sono di norma piuttosto dolorosi, ma richiedono attenzione medica a prescindere da questo, per evitare fastidiose e/o pericolose complicazioni.

Cause

La bocca è normalmente piena di batteri, ma in determinate condizioni questi possono formare una pellicola adesiva sui denti chiamati placca. Soprattutto in assenza di un’igiene orale corretta e regolare, gli acidi prodotti dai batteri della placca possono danneggiare i denti e le gengive, fino a causare la comparsa di carie o malattie gengivali.

Queste condizioni possono così predisporre alla comparsa di un ascesso dentale, ossia una tasca piena di pus prodotto in risposta ad un’infezione batterica.

Sintomi

I principali sintomi di un ascesso dentale sono:

  • dolore intenso che colpisce dente e/o gengiva;
    • può manifestarsi improvvisamente e tende in genere a un progressivo peggioramento;
    • il dolore può interessare anche l’orecchio, la mascella e perfino il collo sullo stesso lato del dente interessato;
    • il dolore peggiora in posizione distesa e può impedire il sonno;
    • peggiora di notte e diventa insopportabile in caso di pressione;
  • rossore e gonfiore in viso;
  • gengive rosse, infiammate e gonfie;
  • sensibilità al freddo/caldo;
  • alito cattivo e/o un gusto sgradevole in bocca;
  • linfonodi ingrossati nel lato colpito;

Nel caso in cui l’infezione si diffonda si può anche sviluppare febbre e malessere diffuso. Nei casi più gravi può risultare difficile da aprire completamente la bocca e può diventare difficile deglutire o respirare.

Complicazioni

Un ascesso dentale richiede sempre e comunque un trattamento, non si risolverà da solo e’ indispensabile un trattamento odontoiatrico.

Se l’infezione non viene curata può diffondersi alle ossa e ad altre aree della testa e del collo, rischiando anche complicazioni gravi come la sepsi (un’infezione pericolosa per la vita che si diffonde in tutto il corpo).

In caso di sistema immunitario indebolito i rischi sono ancora maggiori.

Terapia

In caso di ascesso è indispensabile rivolgersi al medico dentista il più presto possibile.

In attesa della visita potrebbe venirvi consigliata l’assunzione di antibiotici e di  antidolorifici per calmare il dolore; l’ibuprofene è uno dei farmaci di elezione in questi casi, ma ci sono numerose alternative valide (ad esempio il paracetamolo).

Ricordiamo che l’aspirina non deve essere somministrata ai bambini sotto i 16 anni.

Si consiglia inoltre di:

  • evitare cibi troppo caldi o freddi se peggiorano il dolore;
  • provare a mangiare cibi morbidi, se possibile, utilizzando la parte opposta della bocca;
  • utilizzare uno spazzolino morbido ed evitare temporaneamente l’uso del filo interdentale intorno al dente interessato;
  • fare sciacqui con acqua tiepida e sale.

Queste misure possono contribuire ad alleviare temporaneamente i sintomi, ma NON sostituiscono la visita specialistica.

A seguito della visita e della diagnosi il dentista potrà proporre diverse opzioni terapeutiche; non e’ sufficiente una terapia antibiotica ma, a seconda della situazione, potrebbe rendersi necessario:

  • devitalizzazione;
  • incisione e drenaggio, durante la quale viene praticato un piccolo taglio (incisione) nella gengiva per drenare l’ascesso e ripulirlo dal pus presente.

Nei casi più gravi si può procedere all’estrazione del dente.

Prevenzione

È possibile ridurre il rischio di sviluppare ascessi dentali facendo il possibile per mantenere i denti e le gengive più sani possibili; per fare questo, è necessario:

  • utilizzare il filo interdentale (o scovolino) almeno una volta al giorno per pulire gli spazi fra i denti e sulle gengive;
  • lavarsi i denti con un dentifricio al fluoro almeno due volte al giorno, spazzolando per almeno due minuti consecutivi;
  • sostituire lo spazzolino ogni tre o quattro mesi, o comunque non appena le setole sono sfilacciate;
  • ridurre zuccheri e bevande dolci, soprattutto tra i pasti e prima di coricarsi alla sera;
  • visitare il vostro dentista regolarmente, programmando una periodica e regolare detartrasi.
Copyright © 2019 Dottor Francesco Salerno - P.Iva: 00734250822 - Tutti i diritti riservati - Cookie & Privacy Policy
Powered by PAGINE VERDI - Designed by SERRADIFALCO COMMUNICATION