Fluoroprofilassi

fluoroprofilassi-bambini-1200x633.jpg

Il  fluoro e’ alla base della prevenzione della carie, il suo utilizzo è supportato da un’ampia letteratura scientifica ed è riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dal Ministero della salute italiano. Ma che cos’è esattamente? Il fluoro è un minerale che agisce sullo smalto, lo rende più forte e rallenta la formazione della placca batterica.

La carie è una malattia infettiva causata a batteri presenti nella placca che metabolizzano gli zuccheri presenti nel cavo orale, producendo acidi corrosivi nei confronti dello smalto e della sottostante dentina. Il fluoro aiuta a prevenire la carie rallentando la distruzione dello smalto e accelerando il processo di rimineralizzazione.

Come possiamo assumere fluoro nella nostra alimentazione?

Il fluoro è già presente in moltissimi cibi ed è quindi un’ottima idea assumerli per creare una sorta di scorta interna al nostro corpo che poi tornerà utile anche al benessere dei nostri denti. Il fluoro si trova naturalmente nel pesce, nella verdura, nel thè ma, soprattutto, nell’acqua. Detto questo, il fluoro che possiamo assimilare attraverso l’assunzione di questi cibi non può bastare per proteggere adeguatamente i nostri denti dalla carie. Serve quindi un’aggiunta, un aiuto esterno. Per questo motivo, è bene sottoporsi regolarmente e periodicamente alla fluoroprofilassi.

Che cos’è la fluoroprofilassi?

 

 

La fluoroprofilassi è il metodo di somministrazione del fluoro ed esistono due diverse modalità:
1) La fluoroprofilassi topica
2) La fluoroprofilassi sistemica( goccine)

Quali sono i dosaggi i consigliati nei bambini per la fluoroprofilassi sistemica?

  • 6 mesi – 3 anni: 0,25 mg a giorni alterni
  • 3-6 anni: 0,50 mg a giorni alterni
  • 6-9 anni: 1 mg a giorni alterni
  • 4 gocce corrispondono a 0,25 mg di fluoro

Fluoroprofilassi topica

Consiste nell’assunzione tramite dentifrici, collutori e gel al fluoro, della quantità necessaria di fluoro per aiutare i nostri denti a proteggersi dalla carie. Non è quindi prevista alcuna ingestione di sostanze, bensì soltanto il contatto con materie ricche di fluoro.

Studi scientifici hanno dimostrato che il metodo piu’ efficace e’ la somministrazione topica professionale di gel ad alto contenuto di fluoro , da effettuare dopo accurata seduta di igiene orale professionale (rimozione di  tutta la placca batterica e del tartaro dalla superfice dello smalto e successiva applicazione periodica del gel) che si consiglia di effettuare ogni sei mesi sin dai tre anni di ata’. 


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


Copyright © 2019 Dottor Francesco Salerno - P.Iva: 00734250822 - Tutti i diritti riservati - Cookie & Privacy Policy
Powered by PAGINE VERDI - Designed by SERRADIFALCO COMMUNICATION